B&B La Finestra sul Teatro – Agrigento

News ed Eventi

Il Giardino Botanico di Agrigento al primo posto nella classifica provinciale del censimento “I Luoghi del Cuore” del FAI

Immagine che rappresenta il Giardino Botanico di Agrigento

Grande successo per il Giardino Botanico di Agrigento, che, nella classifica nazionale del censimento 2016 “I Luoghi del Cuore”, promosso dal FAI (Fondo Ambiente italiano), si è classificato al primo posto in provincia di Agrigento e all’ottavo posto in Sicilia.

Il censimento “I Luoghi del Cuore”, promosso dal FAI a partire dal 2003, è rivolto a tutti i cittadini italiani e stranieri ed è finalizzato a segnalare i luoghi italiani che gli stessi amano di più e che vorrebbero vedere difesi, valorizzati e recuperati. L’obiettivo del progetto è quello di sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sul tema della tutela e della valorizzazione del patrimonio storico, artistico e naturalistico del Paese.

Con 3.911 voti, il Giardino Botanico è risultato, quindi, il sito più amato della provincia di Agrigento, superando anche la Valle dei Templi e la Scala dei Turchi.

giardino_botanicoSituato nella porzione orientale dell’abitato di Agrigento, a sud della Rupe Atenea e poco distante dal cuore della Valle dei Templi, il Giardino Botanico rappresenta un “polmone verde” nel contesto urbano, con una estensione di circa 7 ettari, che accoglie oltre 20.000 piante riferibili ad oltre 300 colture ed essenze diverse, espressioni tipiche della vegetazione mediterranea.

Imbocco_Ipogeo_Giardino_BotanicoOltre a questo inestimabile patrimonio vegetale, sono presenti pregevoli testimonianze archeologiche, ipogei visitabili, caverne naturali visitabili, reperti fossili e fenomeni calcarenitici di suggestiva bellezza. All’interno del Giardino sono presenti anche una serie di “terrazze”, che sorgono su banchi in tufo che offrono ai visitatori una ineguagliabile vista su tutta la Valle dei Templi. È visitabile, inoltre, un “erbario” con diverse centinaia di essenze erbacee essiccate catalogate, alcune risalenti al XIX secolo.

Il giardino dispone di una fitta rete di sentieri e di segnaletica descrittiva delle diverse colture vegetali, che lo rendono facilmente fruibile ai visitatori.